VOLPETTA – VULPECULAE – VUL

La Volpetta è una debole costellazione settentrionale situata al centro del Triangolo Estivo, un asterismo formato dalle stelle Deneb, Vegae Altair. La costellazione si estende nella regione in cui la Fenditura del Cigno termina a sud, incrociandosi con la Fenditura dell'Aquila; l'area di cielo in cui si trova è dunque fortemente oscurata dalla polvere interstellare, qui particolarmente densa. Nel 1967 all'interno della costellazione della Volpetta è stata scoperta, da parte di Antony Hewish e Jocelyn Bell, da Cambridge, la prima pulsar conosciuta. Confina a nord con : Lira, Cigno; a est con : Pegaso; a sud con : Delfino, Freccia; a ovest con : Ercole.


 

MITOLOGIA

Questa costellazione fu definita nel tardo XVII secolo dall'astronomo polacco Johannes Hevelius. Era originariamente conosciuta come Volpecula cum Ansere la cui traduzione significa : la volpetta e l'oca; l'oca infatti veniva spesso rappresentata tra le fauci della volpe. Successivamente le due figure vennero considerate due costellazioni indipendenti. La costellazione dell'Oca venne poi riassorbita dalla Volpetta e l'Unione Astronomica Internazionale non la riconosce più. Il nome dell'oca rimane ad indicare la stella alfa, Anser.


 

STELLE PRINCIPALI

              Stella                Nome     Spettro    Magnitudine     Distanza A.L.
Alfa    Vulpeculae     Anser         M0              4,44                   296
13               -                 -             B9,5            4,57                   359
1                 -                 -             B4               4,76                   911

 

OGGETTI PROFONDO CIELO

                                                                 Dimensioni
                    Oggetto                   Tipo                  Magnitudine      Primi d'arco ( ' )     Dist. A.L.       Nome

                       M 27              Nebulosa Planetaria            7,5                    8,0 x 5,6             1360       Dumb-Bell

NGC 6885     Ammasso Aperto                 8,1                         18                  1950

NGC 6940                    -                            6,3                          31                  2510

VERGINE – VIRGINIS – VIR

La Vergine è una costellazione dello zodiaco ed è una delle più grandi costellazioni del cielo. Può essere trovata facilmente grazie alla brillante Spica. La costellazione si trova a cavallo dell'equatore celeste, domina i cieli da febbraio fino a luglio, e contiene al suo interno alcune stelle molto luminose. Con un'estensione di 1294 gradi quadrati di volta celeste, è la seconda costellazione più estesa del cielo, dopo l'Idra. Storicamente la costellazione è stata associata al periodo dei raccolti, come la mietitura (da cui deriva il nome della stella "Spica", visibile dopo il tramonto verso ovest in estate) e la vendemmia (da cui deriva, ad esempio, il nome della stella "Vindemiatrix", che 2000 anni fa, a causa della precessione degli equinozi, precedeva il sorgere del Sole nel mese di settembre). La Vergine giace in una regione lontana dalla scia luminosa della Via Lattea, pertanto è possibile osservare un gran numero di galassie; in questa direzione è stata anche scoperta nel 2005 una corrente stellare forse associata a un'antica galassia nana cannibalizzata dalla nostra. La stella più prominente è Spica (α Vir), che rappresenta una spiga di frumento in mano alla Vergine; questa stella è facile da localizzare, perché può essere trovata facilmente seguendo il timone del Grande Carro verso Arturo e continuando la stessa curva. Inoltre, Spiga costituisce il vertice più meridionale dell'asterismo detto Triangolo di Primavera, che comprende anche Arturo e la più debole Denebola, nel Leone. Confina a nord con : Chioma di Berenice, Bootes; a est con : Testa del Serpente, Bilancia; a sud con : Idra, Corvo; a ovest con : Tazza, Leone.


 

MITOLOGIA

Secondo la leggenda la costellazione raffigura Astrea, la vergine figlia del dio Zeus e della dea Temi. Astrea era conosciuta come la dea della giustizia e per questo, lo strumento della giustizia, la Bilancia, si trova lì vicino. Essa amministrava il mondo in modo saggio, finché gli uomini diventarono così intrattabili che si ritirò nei cieli in disgusto.


 

STELLE PRINCIPALI

         Stella                  Nome        Spettro     Magnitudine    Distanza A.L.

Alfa          Virginis    Spica                 B1              1,04                  262
Gamma         -         Porrima             F0               2,74                   39
Epsilon          -         Vindemiatrix      G8              2,85                 102
Zeta               -         Heze                  A3              3,38                   73
Delta              -         Minelauva         M3              3,39                 202
Beta               -         Zavijavah          F8               3,59                   36
109                -                 -                 A0               3,73                129
Mu                 -         Rijl al Awwa       F2               3,87                   61
Eta                -          Zaniah               A2               3,89                250
Iota                -         Syrma                F7               4,07                  70
Kappa            -                 -                 K3              4,18                 223
Tau                 -                 -                 A3              4,23                 218
Theta              -                 -                 A1              4,38                 415

 

STELLE DOPPIE

          Stella                 A   Magnitudine   B       Separ. Sec d'arco ( " )            Colori

        Gamma    Virginis    3,48                      3,50                     2,9                     giallo – giallo

 

OGGETTI PROFONDO CIELO

                                                        Dimensioni
                   Oggetto                 Tipo              Magnitudine      Primi d'arco ( ' )       Dist. A.L.       Nome

NGC 4216             Galassia                10,2                   8,1 x 1,8          40000000

M 61                             -                        9,0                   6,0 x 5,5          60000000

NGC 4365                    -                        9,6                   6,9 x 5,0          71000000

M 84                             -                      10,1                   6,5 x 5,6          60000000

M 86                             -                        9,8                   8,9 x 5,8          52000000

NGC 4429                    -                      10,2                   5,6 x 2,6          56000000

 

NGC 4438                    -                      10,0                   8,5 x 3,2          52000000

M 49                             -                        8,4                   8,9 x 7,4          55000000

 

                     M 87                             -                        9,6                   8,3 x 6,6          56000000     G. Virgo A

NGC 4517                    -                      10,8                 10,5 x 1,5          40000000

NGC 4535                    -                      10,0                   7,1 x 5,0          54000000

NGC 4536                    -                      10,4                   7,6 x 3,2          70000000

M 89                             -                      10,7                   5,1 x 4,7          50000000

NGC 4560                    -                        9,6                   7,2 x 2,3          60000000

M 90                             -                        9,3                   9,5 x 4,5          60000000

M 58                             -                        9,7                   5,9 x 4,7          74000000

                          M 104                           -                        8,98                 8,7 x 3,5          29500000     G. Sombrero

M 59                             -                      10,6                   5,4 x 3,7          60000000

NGC 4636                    -                        9,7                   6,0 x 4,7          57000000

M 60                             -                        9,8                   7,4 x 6,0          55000000

NGC 4697                    -                        9,2                   7,2 x 4,7          55000000

NGC 4753                    -                      10,5                   6,0 x 2,8          57000000

NGC 4762                    -                      10,0                   8,7 x 1,7          58000000

NGC 5068                    -                        9,8                   7,2 x 6,3          22000000

NGC 5084                    -                      10,8                   9,3 x 1,7          80000000

NGC 5566                    -                      10,7                   6,6 x 2,2          65000000

NGC 5746                    -                      10,8                   7,4 x 1,3          95000000

NGC 5634      Ammasso Globulare       9,5                       5,5                     75000

TRIANGOLO BOREALE – TRIANGULI – TRI

Il Triangolo è una piccola costellazione dell'emisfero settentrionale, le cui tre stelle più luminose, di terza e quarta magnitudine, formano un triangolo elongato; nonostante la sua scarsa rilevanza, era una delle 48 costellazioni elencate da Tolomeo. Il Triangolo si individua con facilità a nord dell'Ariete e poco più a sud dell'area in cui si incontrano le due costellazioni di Andromeda e Perseo; in particolare, lo si può rintracciare a metà via sulla linea che congiunge le stelle Hamal (α Arietis) e Alamach (γ Andromedae). Nonostante le ridotte dimensioni, la sua individuazione non presenta particolari difficoltà, grazie al fatto che le sue tre stelle principali sono piuttosto ravvicinate fra loro, risaltando più facilmente alla vista. La distanza dalla scia del piano galattico non consente la presenza di ricchi campi stellari di fondo, ma ciò favorisce l'osservazione delle galassie esterne. Il periodo più propizio per la sua osservazione ricade nei mesi compresi fra ottobre e marzo. Confina a nord con : Andromeda; a est con : Perseo; a sud con : Ariete; a ovest con : Pesci.


 

MITOLOGIA

La costellazione del Triangolo Boreale non è associata con nessuna storia mitologica.

 

STELLE PRINCIPALI

                 Stella                  Nome                 Spettro      Magnitudine     Distanza A.L.
Beta        Trianguli       Metallah                   A5                 3,00                  124
Alfa                -             Caput Trianguli        F6                 3,42                    64
Gamma         -                     -                        A1                 4,01                  118

 

STELLE DOPPIE

    Stella           A   Magnitudine   B    Separ. Sec d'arco ( " )      Colori
        6 Trianguli    4,94                       6,5                 3,8                  giallo - giallo

 

OGGETTI PROFONDO CIELO

                                                 Dimensioni
              Oggetto            Tipo        Magnitudine       Primi d'arco ( ' )     Dist. A.L.    Nome

                      M 33             Galassia            5,7                73      x   45         2900000   G. Triangolo

NGC 672            -                10,8                   7,2   x     2,6    26100000

NGC 925            -                  9,7                 10,5   x     5,9    31000000

UNICORNO – MONOCEROTIS – MON

L'Unicorno è una delle 88 costellazioni moderne. Si tratta di una debole costellazione del cielo invernale; la sua posizione, prossima all'equatore celeste, la rende visibile dalla maggior parte di entrambi gli emisferi terrestri. Nonostante la sua debole luminosità, è una costellazione estremamente ricca di oggetti galattici come ammassi stellari e nebulose, grazie alla presenza della Via Lattea. Nonostante ciò è facile da trovare nel cielo invernale, proprio perché si trova "incastonata" fra tre delle stelle più luminose di queste costellazioni, che costituiscono l'asterismo del Triangolo d'Inverno: Betelgeuse, Sirio e Procione. La costellazione è inoltre attraversata da un tratto debole ma esteso del piano della Via Lattea ed è pertanto molto ricco di stelle di fondo e oggetti non stellari. Il periodo più propizio per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi fra dicembre e aprile. Confina a nord con : Gemelli; a est con : Cane Minore, Idra; a sud con : Poppa, Cane Maggiore, Lepre; a ovest con : Orione.


 

MITOLOGIA

L'Unicorno è una costellazione moderna; si ritiene che la sua definizione risalga all'astronomo e teologo danese Petrus Plancius nel 1613, e che sia stata cartografata come l'Unicorno da Jakob Bartsch nel 1624. Wilhelm Olbers e Ludwig Ideler suggeriscono tuttavia che la costellazione sia in realtà molto più antica, perché appare già in lavori del 1564, e Joseph Scaliger l'ha individuata persino su carte celesti degli antichi Persiani. Trattandosi di una costellazione moderna, l'Unicorno non presenta un mito classico associato. L'unicorno è una creatura leggendaria, che somiglia ad un cavallo ma ha un singolo corno, spiraleggiante, posto sulla fronte. Si crede che il corno possa curare il veleno. Questo animale è stato spesso simbolo di castità e purezza.


 

STELLE PRINCIPALI

                 Stella                      Nome     Spettro   Magnitudine   Distanza A.L.
Beta       Monocerotis    Cerastes       B3             3,76                 691
Alfa                 -              Lucida           K0             3,94                144
Gamma           -             Tempestris    K3             3,99                 644
Delta               -              Kartajan        A2             4,15                 375
Zeta                -                     -             G2             4,36              1852
Epsilon           -                     -              A5             4,39                128
13                   -                     -              A0             4,47              1509

 

STELLE DOPPIE

           Stella                     A   Magnitudine   B     Separ. Sec d'arco ( " )      Colori
           Epsilon   Monocerotis   4,44                      6,72                   12,9              bianco – giallo
                Beta                -             4,60                      5,40                     7,1              azzurro – azzurro
              S                     -             4,8                        7,6                       2,9              azzurro - bianco

 

OGGETTI PROFONDO CIELO

                                                                 Dimensioni
                     Oggetto                   Tipo              Magnitudine    Primi d'arco ( ' )    Dist. A.L.     Nome

   NGC 2232     Ammasso Aperto             4,2                          29              1170

                              NGC 2237     Nebulosa Diffusa             6,0                      90 x 90          5200      Neb. Rosetta

    NGC 2244     Ammasso Aperto             4,8                          24              3000

                           NGC 2264     Nebulosa + Ammasso     3,9                          20              2450      Neb. Cono

NGC 2301     Ammasso Aperto             6,0                          12                 -

   M 50                             -                        5,9                          16              3200

NGC 2335                    -                        7,2                          12                 -

                                  IC 2177         Nebulosa Diffusa               -                        20 x 20           3260      Neb. Gabbiano

   NGC 2343     Ammasso Aperto             6,7                            6              3443

   NGC 2353                    -                        7,1                          20              3648

   NGC 2506                    -                        7,6                            8            11280

TORO – TAURI – TAU

Il Toro è una delle costellazioni più grandi nel cielo invernale boreale, la costellazione contiene l'ammasso aperto delle Pleiadi, il più conosciuto e studiato, oltre che il più luminoso fra gli ammassi aperti storicamente riconosciuti come tali;[1] nel Toro si trova anche l'ammasso delle Iadi, che detiene il primato di ammasso aperto più vicino conosciuto. le Pleiadi, riconoscibili con facilità anche dai meno esperti, si trovano nella parte più occidentale della costellazione e sono ben visibili anche dai cieli cittadini. Il Toro continua in direzione est-sudest verso un altro gruppo di stelle molto noto e luminoso, quello delle Iadi: queste sono sparse su un diametro di cinque gradi quadrati e sono apparentemente dominate da una stella arancione di magnitudine 0,98, chiamata Aldebaran, la più brillante della costellazione e che costituisce l'occhio del Toro. Verso oriente si estendono poi le corna dell'animale, rappresentate dalle stelle β Tauri (El Nath) e ζ Tauri, poste sul bordo della scia luminosa della Via Lattea. β Tauri in realtà è condivisa con la vicina costellazione dell'Auriga, di cui costituisce uno dei vertici del suo luminoso pentagono. Lo sfondo della costellazione del Toro è pervaso da un gran numero di stelline di quinta e sesta magnitudine, molte delle quali appartenenti alle Iadi e ad altre estesissime associazioni stellari; tuttavia, esplorando la regione con un binocolo si nota che scarseggiano notevolmente le stelle di magnitudine 7 e 8, specialmente sul lato nord; ciò è dovuto alla presenza di grandi banchi di polveri, facenti parte della Nube del Toro. Nonostante sia una costellazione boreale, il Toro è ben osservabile da tutte le aree abitate della Terra, grazie alla sua declinazione non molto elevata; il periodo più propizio per la sua osservazione nel cielo serale va da ottobre ad aprile. Nell'emisfero nord è una tipica figura del cielo stellato invernale; il sorgere delle Pleiadi in orari sempre più anticipati nelle prime ore della notte preannuncia l'inizio dell'autunno, mentre la discesa della costellazione ad ovest subito dopo il tramonto del Sole indica l'arrivo prossimo dell'estate. Confina a nord con : Perseo, Auriga; a est con : Gemelli, Orione; a sud con : Eridano; a ovest con : Balena, Ariete.


 

MITOLOGIA

Nella mitologia greca, corrisponde alla forma di toro che Zeus assunse per vincere Europa, una principessa fenicia. La donna infatti, attratta dall'enorme e docile bestia, salì sul suo dorso, ma in quel momento il Toro cominciò a correre velocemente entrando in acqua e nuotando fino ad un'isola, dove assunse nuovamente la forma di Zeus e corteggiò Europa riuscendo nel suo intento. Al Toro è associata anche la figura del Minotauro.


 

STELLE PRINCIPALI

               Stella             Nome       Spettro    Magnitudine    Distanza A.L.

Alfa         Tauri    Aldebaran       K5              0,98                   65
Beta            -      Elnath             B7              1,65                 131
Zeta            -      Alpheka           B4              2,97                 417
Theta 2       -      Phaesyla         A7              3,40                 149
Lambda      -      Elthor              B3               3,41                 370
Epsilon       -       Ain                  K0              3,53                 155
Omicron     -       Atirsagne        G8              3,61                 211
Gamma      -       Hyadum 1       G8              3,65                154
Xi                -      Ushakaron       B9              3,73                222
Delta 1        -      Hyadum 2       G8              3,77                 153

 

STELLE DOPPIE

 Stella                A Magnitudine B     Separ. Sec d'arco ( " )          Colori

      HD 22468 Tauri   5,99                 8,83                  6,6                  arancio – arancio
     30                 -      5.03                 9,6                    9,2                  azzurro – bianco
   Chi                -      5,38                 8,5                  19,4                  bianco – bianco
118                -      5,83                 6,68                  4,8                  bianco - giallo

 

OGGETTI PROFONDO CIELO

                                                                                     Dimensioni
                   Oggetto                     Tipo                Magnitudine     Primi d'arco ( ' )     Dist. A.L.     Nome

                    M 45               Ammasso Aperto            1,6                          110                  443       Pleiadi

                            NGC 1435      Nebulosa Diffusa              -                      30    x 30               440       Neb. Pleiadi

  NGC 1514      Nebulosa Planetaria     10,9                      2,3 x   2,0            600

                             NGC 1555      Nebulosa Diffusa              -                                0,5               576       Neb. T Tauri

                MEL 25           Ammasso Aperto           0,5                           330                  151       Iadi

  NGC 1647                    -                        6,4                             45               1760

NGC 1746                    -                        6,1                             42                   -

NGC 1807                    -                        7,0                             17                    -

  NGC 1817                    -                        7,7                             16               6430

                              M 1                 Resto di Supernova       8,4                       6    x    4            7300       Crab Nebula